CALCIO SERIE B – Finisce in parità il big match tra Frosinone e Lecce 0-0. Il tabellino

FROSINONE (4-3-3): Ravaglia; Zampano, Szyminski, Gatti, Cotali; Boloca, Ricci (26’ st Maiello), Lulic (16’ st Cicerelli); Canotto (16’ st Tribuzzi), Charpentier (26’ st Novakovich), Garritano (33’ st Manzari).

A disposizione: De Lucia, Minelli, Rohden, Haoudi, Zerbin, Ciano, Casasola.

Allenatore: Grosso.

LECCE (4-3-3): Gabriel; Gendrey (31’ st Calabresi), Dermaku, Lucioni, Barreca; Majer (1’ st Bjorkengren), Hjulmad, Gargiulo (34’ st Blin); Di Mariano, Oliveri (17’ st Coda), Strefezza (31’ st Rodriguez).

A disposizione: Bleve, Vera, Meccariello, Helgason, Bjarnason, Listkowski, Gallo.

Allenatore: Baroni.

Arbitro: Signor Michael Fabbri di Ravenna; assistenti sigg. Alessandro Lo Cicero di Brescia e Marco Ceccon di Lovere (Bg); Quarto Uomo sig. Marco Monaldi di Macerata; Var sig. Antonio Giua di Olbia, Avar sig. Davide Imperiale di Genova.

Note: spettatori paganti 5.917 (di cui 766 ospiti); abbonati 1.200; totale spettatori 7.883; Incasso totale 70.238,55 euro; angoli: 4-2 per il Frosinone; ammoniti: 34’ pt Hjulmand, 44’ pt Ricci, 7’ st Lulic, 31’ st Dermaku, 40’ st Manzari, 45′ st Maiello; recuperi: 0’ pt; 4’ st

FROSINONE – Si chiude sul risultato a reti bianche la sfida spettacolare tra Frosinone e Lecce. Occasioni a ripetizione nel primo tempo, nella parte centrale della ripresa ma soprattutto nei minuti finali dopo la girandola di cambi e pure una traversa per i pugliesi nel primo tempo ma anche un Frosinone che con un pizzico di cinismo avrebbe potuto mettere almeno un pallone decisivo alle spalle di Gabriel.

Da Frosinonecalcio.com

BASKET REGIONALE – Altro stop, Banca Popolare del Frusinate Cassino a Colleferro non si gioca

CASSINO – Doveva essere il sabato, 20 in cui tornare in campo, invece su esplicita richiesta del Colleferro la settima giornata di campionato vedrà i nostri ragazzi ancora fermi ai box. Dopo la sosta forzata della precedente giornata non disputata per lavori di adeguamento alla casa del basket Longo & Pagano, il basket Cassino si ferma ancora, l’ultima gara disputata è quella della vittoriosa trasferta di Scauri che ha confermato l’indiscussa leadership del raggruppamento in solitaria, anche se ora condivisa con il Fonte Roma che ha però una gara in più.

Durante lo stop la nostra formazione ha continuato nella preparazione in maniera costante e costruttiva, tutto il gruppo tranne il capitano Matteo Pagano, che con molta probabilità tornerà a disposizione all’inizio del 2022, si è sottoposto a doppie sedute di allenamento per non perdere forma e concentrazione, il momento è propizio e non bisogna mollare di un centimetro. Come consuetudine abbiamo sentito il coach Nardone che nonostante la contrarietà palesata nell’apprendere del secondo stop ci ha lasciato la seguente dichiarazione che fa il punto sullo stato attuale della sua formazione: “Partendo dalla partita di Scauri dove c’è stata una bella prova di forza soprattutto di carattere contro una forte formazione, abbiamo consolidato il lavoro di questi ultimi tre mesi. Sono veramente orgoglioso di questi ragazzi e soprattutto anche dei giovani under che entrano e si fanno trovare sempre pronti, il miglioramento è costante e sono molto fiducioso per il proseguimento della stagione. Purtroppo continuano gli stop alle gare, Colleferro ha chiesto lo spostamento e naturalmente dobbiamo modificare il nostro programma settimanale, ci stiamo allenando individualmente soprattutto dopo l’infortunio del nostro capitano che speriamo dopo le feste e la sosta del campionato di riaverlo con noi. Matteo un giocatore che ci ha dato un equilibrio un jolly soprattutto nella difesa e nella ripartenza, ci mancherà tantissimo lo aspettiamo a braccia aperte. Lui ora è nelle mani esperte e professionali dei nostri fisioterapisti Di Giuseppe e Zolla che ringrazio personalmente, uno staff fatto di persone competenti e anche affettuose nei riguardi di questo gruppo.  I ragazzi si stanno allenando ogni giorno come se fosse una partita, il nostro preparatore atletico Palombo li sta seguendo nella maniera giusta, questo denota una grande personalità e professionalità, trasmettere questo è già una mossa vincente. Da questo punto di vista stiamo focalizzando il lavoro sulla crescita individuale soprattutto con l’aiuto dei senior che infondono ai più giovani determinazione e voglia di vincere e di fare soprattutto gruppo. In questo momento ci focalizziamo su questo genere di cose visto che purtroppo siamo fermi ai box, chiaramente potremmo pagare dazio alla ripresa soprattutto sul ritmo partita, ma io li vedo sempre concentrati e sul pezzo, è un gruppo composto da ragazzi intelligenti che sicuramente sapranno farsi trovare pronti al momento della ripartenza.”

Bene che dire speriamo che presto per il Basket Cassino torni a rotolare la palla sul parquet, noi non vediamo l’ora, Forza Basket Cassino

Max Marzilli
Responsabile Marketing & Comunicazione

CALCIO – Italia, solo 0-0 in Irlanda del Nord. Serviranno i play-off per il Mondiale

Gli azzurri non vanno oltre lo 0-0 a Belfast e chiudono il gruppo al secondo posto dietro la Svizzera. Per qualificarsi a Qatar 2022 la Nazionale dovrà passare dai play-off

(Foto Twitter Nazionale Italiana)

ROMA – L’Italia deve passare per i play-off per conquistare un posto ai Mondiali di calcio del prossimo anno. Gli azzurri a Belfast hanno infatti pareggiato 0-0 con l’Irlanda del Nord nell’ultima partita del girone C delle qualificazioni, fallendo la conquista immediata di un posto per Qatar 2022. La squadra del ct Roberto Mancini ha chiuso il gruppo al secondo posto con 16 punti dietro alla Svizzera, che battendo 4-0 la Bulgaria nella sua ultima gara ha raggiunto 18 punti.

LA PARTITA

Al Windsor Park di Belfast, Mancini si affida all’attacco con il falso nove: Chiesa e Berardi formano il reparto avanzato leggero con Insigne. Per il resto della formazione Donnarumma in porta, difesa schierata con Bonucci e Acerbi centrali, Di Lorenzo ed Emerson terzini, Jorginho a centrocampo insieme a Barella e Tonali. Gara intensa fin dai primi minuti, con passaggi veloci da entrambe le parti.

Al 10′ il contropiede nordirlandese costa il giallo a Tonali che stende con una spinta Whyte. Poi gli azzurri cercano di costruire azioni senza riuscire ad essere incisivi in fase conclusiva, complice anche un avversario che si chiude nella propria metà campo e difende con 10 uomini. Il primo tempo termina senza sussulti sullo 0-0.

Nella ripresa il ct azzurro manda in campo Cristante al posto di Tonali. Dopo un tentativo di tiro di Insigne terminato fuori, è l’Irlanda del Nord ad andare vicina al gol al 50′ con Saville, bravo Donnarumma a respingere. Al 58′ ci prova Berardi su punizione dalla destra, blocca la palla Peacock-Farrell sul primo palo. Poi tocca a Chiesa che in area non trova la porta e manda il pallone fuori dai pali. Al 64′ altro cambio azzurro: dentro Belotti al posto di Barella. Quattro minuti dopo Mancini fa uscire Jorginho e Insigne per Locatelli e Bernardeschi. Nel finale spazio anche per Scamacca che sostituisce Emerson ma non cambia nulla, anzi al 90′ il salvataggio sulla linea di Bonucci salva l’Italia da una clamorosa sconfitta. Finisce 0-0, un risultato che condanna gli azzurri ai play-off.

L’Irlanda del Nord mantiene la porta inviolata in casa in queste qualificazioni (una vittoria e tre pareggi), l’Italia, che non ha mai vinto a Belfast (tre pari e un ko), riassapora invece la delusione del 1958 quando proprio nella capitale nordirlandese con una sconfitta perse per la prima volta la qualificazione ai Mondiali. Stavolta c’è un play-off per recuperare. Ma certo non è questa la strada che ci si aspettava dai campioni d’Europa.

MANCINI: “ANDREMO AI MONDIALI, E MAGARI LI VINCIAMO PURE”

“Non possiamo fare più nulla. A marzo ci prepareremo bene per passare dai play-off. Questo è un momento in cui facciamo fatica a fare gol, nonostante abbiamo sempre il gioco in mano”. Il ct azzurro Roberto Mancini, ai microfoni di Rai Sport, analizza a caldo lo 0-0 che complica i piani dell’Italia in vista dei Mondiali in Qatar. “Abbiamo avuto occasioni nel primo tempo e queste sono partite che devi sbloccare subito. Abbiamo sbagliato due rigori nelle sfide decisive, se hai le occasioni e non fai gol è chiaro che puoi incontrare delle difficoltà”. Mancini non perde comunque la calma, anzi è molto ottimista sul futuro della Nazionale: “Massima tranquillità fino a marzo, sono totalmente fiducioso, ci andremo a marzo e magari vinceremo anche il Mondiale, chi lo sa”.

CHI PARTECIPA AI PLAY-OFF

C’è anche l’Italia. È quasi delineato il quadro delle 12 squadre europee che parteciperanno ai play-off per cercare di qualificarsi anche loro ai Mondiali del Qatar 2022. L’ultima occasione per partecipare alla Coppa del mondo riguarda le dieci seconde classificate dei dieci gruppi delle qualificazioni più le due migliori dell’ultima Nations League non qualificate attraverso la fase a gironi di qualificazione.

LE AVVERSARIE DELL’ITALIA AGLI SPAREGGI

Oltre agli azzurri ci sono Portogallo, Polonia, Scozia, Russia, Macedonia del Nord, Svezia, Galles e Repubblica Ceca, oltre all’Austria (grazie alla Nations League). Domani si conosceranno le ultime due: una tra Finlandia e Ucraina, e un’altra tra Olanda, Turchia e Norvegia. Dai ‘playoff’ usciranno le ultime tre Nazionali europee che andranno ai Campionati del mondo in programma dal 21 novembre al 18 dicembre del prossimo anno in Qatar.

COME FUNZIONANO I PLAY-OFF

Il sorteggio dei play-off si terrà il 26 novembre, alle ore 17, a Zurigo. Le dodici squadre verranno divise in tre gruppi da quattro squadre, ognuno composto da due teste di serie e due no. L’Italia sarà testa di serie. Le quattro squadre di ogni girone si affronteranno in due semifinali secche in casa della testa di serie e poi in una finale. Sarà un sorteggio a stabilire chi delle due finaliste giocherà in casa. Le partite di disputeranno il 24-25 marzo (le semifinali) e il 28-29 marzo (le finali). L’1 aprile poi, a Doha, il sorteggio degli otto gironi della fase finale del Mondiale 2022.

LE EUROPEE GIÀ SICURE DEI MONDIALI

Oltre alla Svizzera, che ha chiuso al primo posto il gruppo C superando l’Italia, nella zona Uefa questa sera anche l’Inghilterra ha ottenuto la qualificazione per i Mondiali 2022 di calcio in Qatar. Le due Nazionali si vanno ad aggiungere a: Germania, Francia, Belgio, Danimarca, Croazia, Spagna e Serbia. Domani si conoscerà la decima formazione che otterrà l’accesso diretto. Nel girone G in campo si sfideranno Montenegro-Turchia e Olanda-Norvegia, con la formazione olandese in testa a 20 punti, due in più rispetto a turchi e norvegesi.

Fonte: Agenzia DiRE – www.dire.it

BASKET REGIONALE – Banca Popolare del Frusinate, esce il poker sulla ruota di Scauri: 63-70

SCAURI – E sono 5 su 5, poker di vittorie per i ragazzi di coach Nardone, che in una gara meravigliosa, obbligano allo stop Scauri e approfittando della sconfitta della terza capolista si prendono il comando del girone B in solitaria. In fase di presentazione, avevamo ribadito il concetto che sarebbe stata un autentica battaglia sportiva e così è stato. Due quarti a testa con i padroni di casa che si sono imposti nel primo 17-13, e nell’ultimo 20-15, a Cassino il terzo 12-15 e il capolavoro del secondo 14-27 in cui i cassinati hanno spaccato la partita a proprio favore. Palazzetto dello sport di Scauri con oltre 500 persone, tra questi anche 50 tifosi cassinati che unitamente a quelli locali hanno fatto in modo che si sia assistito a due partite distinte, la prima sul parquet, la seconda sugli spalti. Ha prevalso la voglia di assistere ad un evento storico per la categoria in cui la correttezza e l’attaccamento ai propri colori sociali ha prevalso, complimenti a tutti veramente.

Due episodi su tutti hanno caratterizzato la serata, il primo sul + 12 per Cassino, con 5 minuti ancora da giocare, il coach Nardone ha regalato una perla di sportività che raramente si vede sui campi da basket e non solo. Gli arbitri della gara, in una fase concitata di gioco hanno concesso la rimessa agli ospiti, ma Fabio Nardone ha richiamato l’attenzione degli stessi, dichiarando che il pallone era stato toccato da un suo giocatore, quindi la rimessa toccava ai padroni di casa. Il palazzetto di Scauri è esploso in un caloroso applauso per questo gesto tanto bello e tanto raro che ha arricchito la serata, complimenti vivissimi coach. L’altro purtroppo riguarda il capitano Matteo Pagano che negli ultimi minuti di gioco in un entrata si è accasciato a terra con il ginocchio dolorante precedentemente operato, gettando nella disperazione compagni e tifosi. E’ presto per una diagnosi ma questa cosa ci stringe il cuore, in bocca al lupo grande capitano.Tornando alla gara le squadre su parquet volevano vincere entrambe, Scauri parte forte con Capitan Richotti a realizzare da ogni posizione, Bullock scalda le mani ai suoi tifosi con una tripla da urlo, la gara si gioca punto a punto con i locali che mettono il muso avanti a metà del quarto e chiudono sul 17-13.

Secondo parziale da urlo per Cassino, Ceccarelli MVP della gara si scalda e incomincia a infilare il canestro dei padroni di casa da tutte le posizioni sue tre triple in rapida successione che spaccano il punteggio che passa saldamente in mano degli ospiti con i padroni di casa attoniti, eloquente il parziale 14-27, risultato ribaltato con Cassino che passa dal -4 al +9.

Coach Fabbri le prova tutte, salgono i falli subito gravati diversi giocatori, i cambi sono continui la gara passa sotto il controllo di Cassino, segnano Bullock con delle entrate magistrali, Aziz e Papa danno il loro contributo soprattutto in difesa limitando gente come Sanchez e Pekovic. Niccolai sente molto la partita e si macchia di 4 falli tanto che il coach lo mette in panca, al suo posto Fionda che appena si ritrova la palla in mano al primo possesso infila la tripla che manda Cassino sul + 12, parziale 43-55.

Ultimo quarto che inizia con il Cassino in confusione, Scauri ne approfitta e si affida al capitano e a Sanchez che complice una difesa distratta arriva a realizzare 21 punti, i padroni di casa passano dal -15 al -4, coach Nardone chiama dalla panca Niccolai, Luciano supportato dai nostri tifosi e dalla sua famiglia si eleva al grado di condottiero, segna, recupera e sprona i suoi compagni, alla fine 18 per lui ma la grinta e la determinazione valgono 100. Cassino ristabilisce le distanze di sicurezza e chiude sul 63-70. CHE SPETTACOLO, orgogliosi e fieri di voi.

Tabellino:
Parziali: 17-13, 14-27, 12-15, 20-15

Fortitudo Scauri: Alessandrelli, Venturo, Di Clemente, Richotti 21, Policari 10, Davidov, Pekovic 10, Lepore, Odone, Sanchez 20, Rizzi, Garofalo, 2. Coach Fabbri

Basket Cassino: Bullock 14, Aziz 10, Pagano 1, Fionda 3, D ‘Aguanno, Buzzacconi, Niccolai 17, Ceccarelli 20, Papa 5, Lena, Pignatelli, Masella. Coach Nardone

Max Marzilli uff stampa Basket Cassino

CALCIO SERIE B – Benevento – Frosinone 1-4, il tabellino della gara

BENEVENTO (4-4-2): Manfredini; Letizia, Glik, Barba, Masciangelo (29’ st Di Serio); Elia (27’ st Vogliacco), Viviani (29’ st Calò), Acampora (13’ st Foulon), Ionita; Moncini (13’ st Tello), Lapadula.

A disposizione: Muraca, Vokic, Improta, Insigne, Sau, Talia, Brignola.

Allenatore: Caserta.

FROSINONE (4-3-3): Ravaglia; Casasola, Szyminski, Gatti, Zampano; Boloca (29’ pt Cicerelli), Ricci (33’ st Maiello), Lulic; Canotto (19’ st Tribuzzi), Charpentier (19’ st Novakovich), Garritano (33’ st Rohden).

A disposizione: De Lucia, Minelli, Rohden, Maiello, Zerbin, Ciano, Cotali, Bevilacqua, Manzari.

Allenatore: Grosso.

Arbitro: Signor Matteo Marchetti di Ostia Lido (Roma); assistenti sigg. Salvatore Affatato della provincia di Verbania-Cusio-Ossola e Filippo Valeriani di Ravenna; Quarto Uomo sig.ra Maria Marotta di Sapri (Sa); Var signor Paolo Valeri di Roma2, Avar signor Domenico Rocca di Catanzaro.

Marcatori:  35’ e 47’ pt Lulic, 5’ st Charpentier, 30’ st Cicerelli, 33’ st Di Serio.

Note: spettatori: 5.000 circa; angoli: 9-6 per il Benevento; ammoniti: 32’ pt Szyminski, 2’ st Casasola, 21’ st Zampano, 27’ st Tello; espulso: 25’ pt Glik, 29’ st Viviani, 34’ st Ionita; recuperi: 3’ pt; 1′ st

BENEVENTO – Un Frosinone devastante rifila un 4-1 senza appello al Benevento (stesso risultato della stagione 1994-’95, campionato di serie C2, con quaterna del bomber Pelosi per i canarini) e vola al quarto posto a -3 dalla capolista Brescia, in attesa delle gare di domenica. Una doppietta imperiosa di Lulic nel primo tempo, quindi il 3-0 di Charpentier e il 4-0 di Cicerelli nella ripresa chiudono di fatto i giochi e mettono in cassaforte le certezze della squadra di Grosso che la rete del giallorosso Di Serio nemmeno scalfiscono. Gara sicuramente condizionata dall’espulsione di Glik al 25’ del primo tempo per un fallaccio su Boloca costretto a lasciare il campo all’ottimo Cicerelli.

Fonte: frosinonecalcio.com